Hotel Royal RiccioneCaricamento...

News - 500 anni dalla scomparsa di Raffaello Hotel Riccione

Hotel Royal Riccione
 
Prenota ora
Arrivo
Partenza ...
1
notte notti

500 anni dalla scomparsa di Raffaello

500 anni dopo, la morte di Raffaello resta un mistero | L'HuffPost

Il 6 aprile 1520 moriva Raffaello Sanzio, indiscussa icona dell’arte italiana, mondiale e genio della pittura rinascimentale.

Il grande artista di Urbino viene celebrato in tutta Italia con diverse mostre.

Raffaello Sanzio nacque nel 1483, figlio di Giovanni de’ Santi, pittore.

Grazie alla professione del padre, ha occasione di accedere alle sale del Palazzo Ducale di Urbino, centro artistico del Rinascimento, dove ammira e studia le migliori opere dell’arte italiana.

Studiò dal pittore Pietro di Cristoforo Vannucci: il Perugino. Si trasferì a Città di Castello, dove iniziò a produrre le proprie prime opere.

Raffaello operò in diverse città come Siena, Firenze, infatti è noto il suo periodo fiorentino.

La sua fama crebbe esponenzialmente, anche grazie ad opere memorabili come lo Sposalizio della Vergine (1504)

Lo sposalizio della Vergine - Lettura_Immagine

Trinità e Santi (1505)

Perugia celebra Raffaello con tre importanti esposizioni

e la Pala Baglioni (1507)

I Baglioni e la morte di Grifonetto raccontati da Raffaello Sanzio

Nel 1508 fu chiamato direttamente da Papa Giulio II, che voleva rinnovare l’arte della capitale; si dedicò così alle stanze papali: Segnatura, Eliodoro e agli arazzi della Cappella Sistina.

Divenuto uno dei più grandi artisti in Italia, aprì la propria bottega, insegnando l’arte a molti giovani promettenti: Lotti, Vincidor e Tamagni.

Raffaello fu anche un grande architetto collaborando alla progettazione della Basilica di San Pietro e ad altri edifici romani importanti.

Mappa concettuale: Baldacchino di San Pietro • Scuolissima.com

Morì il 6 aprile 1520 a soli 37 anni, lasciando tuttavia la sua memoria nei secoli come uno dei più grandi artisti al mondo.

Richiedi Preventivo

Offerte